Separatori di stampi

Con cura e precisione

Nel settore della produzione, l’efficienza non può essere abbastanza elevata. E questo vale anche per la cura che dedichiamo ai nostri strumenti, spesso costosi. Il partner di riferimento per quanto riguarda i cambi rapidi e i programmi di cura completi ed estesi per matrici e stampi sono gli EAS change systems. Con una vasta gamma di sollevatori, macchine, unità di ispezione, preriscaldatori, separatori di stampi; la linea di attrezzature si amplia sempre di più. I separatori di stampi sono stati recentemente riconosciuti da due grandi ordini per le principali aziende manifatturiere.

Vincent Nijzink è CEO di EAS Change Systems ed elabora l’ultima aggiunta al programma di attrezzature che aiutano a ridurre i tempi di cambio con una maggiore sicurezza. “In collaborazione con un partner belga, abbiamo progettato una serie di separatori di stampi che è versatile come il prodotto stesso. I separatori consentono una manutenzione rapida e sicura sugli stampi della pressa e allo stesso tempo consentono la massima sicurezza personale per gli operatori. I divisori aprono uno stampo, si girano a metà e consentono così facili ispezioni e manutenzioni.”

Per un grande produttore di aeroplani, EAS ha progettato un separatore da 30 tonnellate con carrello e tavola ribaltabile idraulica. Gli scanner di sicurezza monitorano l’area circostante il carrello mentre è in movimento. Una funzione di aggancio idraulico garantisce il corretto allineamento sulla tavola di divisione. Il funzionamento del separatore è controllato da un’interfaccia HMI, che consente il massimo controllo.

L’altro grosso ordine riguarda un separatore da 40 tonnellate programmato per gestire fino a 110 stampi diversi.

Sicuro e intelligente

“I separatori sono disponibili in molti design diversi, a seconda delle dimensioni e del peso dello stampo, nonché dei passaggi che il cliente desidera eseguire durante la manutenzione degli stampi della pressa. Per gli stampi più leggeri abbiamo progettato un design a una colonna. Questo occupa solo un ingombro ridotto, sul pavimento oltre che economico e ambientale. Grazie alla nostra esperienza ingegneristica, siamo in grado di migliorare tutti questi aspetti con tutto ciò che progettiamo. Sanno come rendere un progetto sicuro, conveniente e intelligente. E in quell’ordine specifico”.

Norme di sicurezza più rigorose sono uno dei motivi importanti per cui i reparti di manutenzione desiderano utilizzare attrezzature specializzate per l’ispezione e la riparazione degli stampi. Uno stampo ben tenuto ha una durata di vita molto più lunga e le procedure di cambio stampo automatizzate aumentano l’aspetto dei costi riducendo i tempi di cambio e risparmiando così una grande quantità di denaro. Gli stampi possono essere separati e ribaltati in meno di due minuti con la massima sicurezza per gli operatori. Il separatore ha bisogno di un solo operatore per controllare tutte le attività che vengono eseguite in modo automatizzato come richiesto dalla situazione.

 

Una o due colonne

Per gli stampi più piccoli, il separatore è progettato con un design a una colonna. Può gestire stampi fino a una tonnellata. Un design a due colonne può gestire stampi fino a sessanta tonnellate e oltre. Lo stampo viene posizionato sul separatore mediante l’utilizzo di un carroponte o di un carrello elevatore. Lo stampo viene quindi spostato automaticamente al centro del separatore dove la piastra superiore dello stampo viene sollevata dalla piastra inferiore. La piastra superiore viene ruotata e posizionata accanto alla piastra inferiore. Ogni piastra può essere spostata in qualsiasi posizione desiderata sull’unità, consentendo l’accesso per l’ispezione e la manutenzione. Tutti i movimenti sono azionati da centraline idrauliche e il separatore può essere attrezzato per accogliere stampi di diverse dimensioni.

Nijzink: “Le unità di separazione sono l’attrezzatura ideale per testare e verificare la chiusura degli stampi. Il movimento di salita e discesa del piano superiore è comandato da due viti a ricircolo di sfere collegate da due motoriduttori con due encoder per una perfetta sincronizzazione. La traversa superiore può essere ruotata di 180°. La centralina idraulica aziona la rotazione della traversa superiore e fornisce l’energia per lo scorrimento del piano inferiore dal macchinario. Le cave a T permettono di bloccare gli stampi di dimensioni diverse e si muovono facilmente sui supporti dei cuscinetti a sfera. Il separatore stampi può essere utilizzato , non solo per la manutenzione e la riparazione, ma anche per testare il funzionamento meccanico dello stamoi o cambiare stampi nel più breve tempo possibile.

Ancora più automazione

Nijzink: “Il “programma di separazione ha un’ampia gamma di unità standard, ma – come con tutte le nostre apparecchiature – può essere facilmente realizzato per soddisfare le esigenze specifiche di qualsiasi allestimento logistico in qualsiasi fabbrica. La maggior parte dei sistemi che forniamo sono integrati per cooperare con le strutture esistenti, la cosiddetta installazione brown field. Non c’è bisogno di sostituire altri macchinari, siamo abituati ad installare le nostre soluzioni come add-on. Lo stesso vale per i nostri sistemi di bloccaggio, i nostri tavoli di cambio utensile e le auto, le unità di ispezione, i giunti di espulsione e qualsiasi altra soluzione di cambio che progettiamo”.

Secondo Nijzink, nella situazione attuale sempre più aziende si stanno concentrando sull’accorciamento dei tempi di consegna. “Non solo abbiamo bisogno di meno personale che lavori in stretta vicinanza l’uno all’altro, ma l’automazione ci consente di essere competitivi nella produzione. Vediamo strumenti dotati di chip RIFD che memorizzano dati di ciclo preziosi. I sistemi di controllo per i sistemi di cambio automatizzato vengono già spesso integrati nel controllo della macchina. E stiamo vedendo robot che cambiano utensili con AGV, tavoli di cambio autoguidati, che portano l’utensile giusto alla macchina giusta al momento giusto. Se necessario preriscaldato. Grazie al chip RFID, la macchina riconosce l’utensile e imposta automaticamente i parametri corretti.”

SMED and EAS

I tempi di cambio stampi sono un aspetto importante della produzione moderna. Poter cambiare produzione da un prodotto all’altro nel più breve tempo possible, aiuta a ridurre i costi complessivi. Molti dei metodi utilizzati nella produzione snella sono stati inventati nei ranghi della Toyota. Shigeo Shingo ha ideato SMED, Single Minute Exchange of Dies. Un modo rapido ed efficiente per il passaggio, comprese tutte le attività interessate. Secondo il suo principio, un cambio dovrebbe durare meno di dieci minuti, da cui il “single-minute”.

EAS offre diverse soluzioni, non solo per mantenere uno strumento in ottime condizioni, ma anche per ottimizzare le procedure di cambio stampo in generale. Queste soluzioni sono un ottimo investimento per la manutenzione dei vostri utensili. Non solo ridurranno i costi di produzione, ma vi consentiranno anche di reagire in modo flessibile ai nuovi ordini senza perdere tempo prezioso di produzione per attrezzaggio o cambi che richiedono tempo.

Tutte le soluzioni EAS sono focalizzate su una strumentazione che duri più a lungo, producendo la miglior qualità possibile, sia completamente automatizzato che manuale. Un modo impareggiabile per ottenere il miglior rapporto qualità-prezzo e allo stesso tempo tener conto della sicurezza del personale. Chi può batterlo?

Leave a reply

Separatori di stampi